F.I.T.A
Home Biografia Commedie Libro Ultimo lavoro CuriositÓ Immagini
Locandine
La piazza
Lo termene lÓ cucciale
La commedia nostra
Come si gnente fusse
Eh, mica male eh!
Lo campanello de casa mia
Ruzza,ruzza,ruzzante
 
Lo termene lÓ Cucciale
Autore:
Ottavio Sabatucci
Regista:
Ottavio Sabatucci

"Lo termene lÓ Cucciale" (1974)

Nella vicenda ideata per il secondo testo, tema principale Ŕ la proprietÓ privata. La contesa per il confine tra due terreni porta i due possidenti dinanzi alla Giustizia; nonostante i due contendenti siano ricorsi ai mezzi pi¨ subdoli per corrompere i testimoni, il processo si conclude con un nulla di fatto; anzi si svolge al comico: nÚ il pretore comprende il dialetto dei presenti, nÚ questi comprendono quanto vanno dicendo pretore e cancelliere, anche perchÚ abituati ad avere paura della legge. Sullo sfondo della vicenda due motivi nascono a contrastarla: uno Ŕ l'estrema povertÓ di alcune frange della comunitÓ, l'altro Ŕ la riduzione a burla, visto che durante il primo litigio, proprio su quel confine, il figlio dell'uno e la figlia dell'altro, che si amavano a dispetto dei genitori, si uniscono carnalmente e che, durante la festa per le nozze dei due giovani, i due possidenti trovano il modo di ravvivare il dissidio perchÚ, sempre sullo stesso termine di confine, l'asino dell'uno e l'asina dell'altro si accoppiano:chi dei due animali ha sconfinato? In questo testo Ŕ presente il canto, il quale svolge la funzione di colmare i lassi di tempo tra una scena e l'altra, oltre a quella di volgere in festa la rappresentazione.

ę 2006 Ottavio Sabatucci e-maile-mail